Io sono combattuta ormai da qualche anno: chiedere o non chiedere agli ospiti di togliersi le scarpe prima di entrare in casa [...]
/ 0 Comments / 676 View

Le 4 ragioni per togliersi le scarpe prima di entrare in casa

Giu 22 / 2017 6:33AM

Quelle abitudini che, con il cambiare della società e con maggiore consapevolezza, possono mutare

scarpe, calzature, piedi

Io sono combattuta ormai da qualche anno:

chiedere o non chiedere agli ospiti di togliersi le scarpe prima di entrare in casa nostra?

Questa è un’abitudine che molti di noi hanno, quando si tratta delle nostre scarpe e delle nostre case. Se saliamo a bordo di una barca o uno yacht, il lasciare le nostre calzature sulla soglia dell’imbarcazione e camminare a piedi nudi, non ci solleva alcun disagio od obiezione. Quando però, entriamo in casa degli altri, non proviamo alcuni disagio – in realtà, io sì, soprattutto quando entro in case dove i pavimenti sono tirati a lucido o quando gli appartementi sono disseminati di tappeti di pregio e non -.

Perché non dovremmo togliere le scarpe prima di entrare in casa di altre persone?

Per quanto non sia in grado di trovare una risposta ragionevole a questa domanda – nel senso che per me sarebbe naturalissimo -, ci sono comunque 4 ragioni certe per cui togliersi le calzature è cosa buona, giusta e sana.

Eccole:

I batteri

Avete un’idea vaga di quanti trilioni di batteri portate a zonzo con voi  a mo’ di zattere sotto le suole? La cosa non vi preoccupa perché i batteri sono invisibili? Bene, allora rispondete a questa domanda: entrereste in una stanza dove hanno appena soggiornato 4 persone affette da ebola? Anche questa malattia è invisibile, ma non per questo accettereste l’invito.

Calpestiamo qualsiasi cosa, senza nemmeno rendercene conto, e anche se non immergiamo le nostre scarpe in escrementi di animali, le nostre strade non sono tre le più pulite. Conosco uomini che con le scarpe uscite dal fango, si recherebbero tranquillamente in camera da letto. Io, per inciso, potrei chiedere il divorzio. O, uccidere.

Pavimenti e tappeti

Ricordo di aver dato una cena una sera a cui prese parte una ragazza che indossava tacchi affilatissimi… che lasciarono – visibili ancora oggi – degli odiosissimi segni sul parquet del soggiorno. E’ una forma di rispetto, ma anche di sopravvivenza di pavimenti e tappeti.

Salute del piede – e non solo –

Io non indosso ciabatte. In inverno uso calze antiscivolo, in estate il piede nudo. E mi ringrazia. Non amo costringere le mie estremità, ma per motivi sociali, sono costretta a farlo, almeno quando sono in casa, mi piace camminare senza indossare nulla e sentire la sensazione del parquet a contatto con la piante del piede. Infine, anche ai nostri figli fa benissimo camminare a piedi nudi poiché aiuta a prevenire la formazione dei piedi piatti.

Rispetto per i vicini

Oggi nessuno pensa agli altri, Tutto ci è dovuto e sono sempre gli altri a doversi adeguare. Io non la penso così. E provo fastidio se sento camminare sopra la mia testa con tacchi e calzature rumorose a qualsiasi ora della notte e del giorno. Provate a mettervi nei panni – anzi, nelle scarpe – degli altri. (Viviana Musumeci)

 

Iscriviti alla newsletter per gli ultimi aggiornamenti