Il marchio francese di cosmetica bianca, che deve il suo successo ai polifenoli dell’uva, riduce visibilmente la [...]
/ 0 Comments / 648 View

Le macchie del viso hanno un nemico imbattibile: Vinoperfect di Caudalie

Feb 15 / 2017 6:00AM

Il marchio francese di cosmetica bianca, che deve il suo successo ai polifenoli dell’uva, riduce visibilmente la presenza di questi odiatissimi segni del tempo

crema antimacchie, cosmetica, beauty

Il marchio francese di cosmetica bianca, che deve il suo successo ai polifenoli dell’uva, riduce visibilmente la presenza di questi odiatissimi segni del tempo

Ho sempre pensato – erroneamente – che le macchie del viso fossero legate all’esposizione eccessiva alla luce del sole. Chiaramente mi sbagliavo. Lo so per due ragioni: la prima perché negli ultimi 15 anni, rispetto alle mie coetanee, ho esposto poco il viso al sole. A partire dalla fine di aprile, schermo il viso con creme solari che solitamente hanno una protezione non inferiore a 30. Ed effettivamente, fino a ora, che ho superato i 40, di rughe sul viso, non ne ho ancora molte.

La seconda ragione è perché lo dice Mathilde Thomas che, per chi non lo sapesse, è la geniale fondatrice, insieme al marito, del marchio Caudalie. Questo brand l’ho scoperto “veramente” di recente, qualche mese fa grazie alla tesi di una mia ex allieva che ha realizzato per laurearsi un progetto di analisi marketing su questo marchio. E già allora, mi aveva intrigato, soprattutto per l’idea che un brand così famoso dovesse la sua reputazione – alta tra il pubblico di donne – alla sua efficacia reale e non narrata con abili tecniche di storytelling, dalla pubblicità.

Immaginiamo la storia di questa giovane signora che vive in un vigneto coltivando l’uva per produrre dello straordinario Chateau Smith Haut Lafitte e scopre, tutto a un tratto, proprio durante una vendemmia, che la sua vera ricchezza non è solo il vino che produce, ma gli acini che contengono polifenoli, elementi antiossidanti che rallentano l’invecchimento. Eureka, deve aver pensato la nostra Mathilde. E un po’ è andata così.

Dal 1993, infatti, produce prodotti estremamente efficaci e tra questi c’è anche la linea Vinoperfect che ho usato nelle ultime due settimane su suggerimento di una delle mie migliori amiche che, avendo la vitiliggine, sapeva perfettamente di cosa stesse parlando. Premetto che gli effetti si vedono quasi da subito, ovvero già dopo 3 giorni si nota che la pelle è cromaticamente più uniforme. Non si tratta di un mutamento evidentissimo, ma percepibile quanto basta per continuare il trattamento con fiducia. Ma qual è l’elemento di questa linea che lavora per schiarire, di fatto, la pelle?

La Viniferina

 

Questo elemento presente nella linfa vitale della vigna, anche nel passato, veniva usato dalle donne proprio quando si trovavano nel vitigno, per spalmarselo sul viso e sulle mani e schiarire le macchie – che possono essere frutto di cambiamenti ormonali, invecchiamento, concepimento o contraccezione -. Caudalie ha pensato di brevettare la viniferina dopo averla stabilizzata. L’azione garantita da questa sostanza è di 4 tipi:

1. Consente di inibire la tirosinasi, regolando così la produzione
di melanina

2. Favorisce la microcircolazione capillare sanguigna come
booster della luminosità e chiarezza

3. Svolge un’attività anti-infiammatoria che limita la sintesi
di melanina

4. Dimostra un’attività antiossidante che protegge dai raggi UV

 

I prodotti che sto usando, abbinandoli tra di loro, sono:

Sérum Eclat AntiTache, da applicare sia la sera prima di coricarsi, sia alla mattina.

Il Fluide Peau Parfait FPS20 di giorno e la Crème nuit Peau Neuve per la notte.

E, infine, per coprire senza appesantire, il Fluide Teinté Eau Parfaite FPS 20

Caudalie

Iscriviti alla newsletter per gli ultimi aggiornamenti