Molte donne del mondo della comunicazione e dello spettacolo si sono avvicendate in una sorta di maratona in cui hanno [...]
/ 0 Comments / 450 View

Questa settimana la Minerva sono io: ecco i miei segreti per il benessere

Mag 03 / 2017 6:27AM

Dopo tante donne forti, indipendenti, mamme, lavoratrici, manager, attrici,ecc., è la volta di Viviana Musumeci

Viviana Musumeci, VM-MAG.com

Molte donne del mondo della comunicazione e dello spettacolo si sono avvicendate in una sorta di maratona in cui hanno condiviso con le lettrici di VM-MAG il loro segreto per ricaricarsi, tra i mille impegni. Questa settimana il testimone passa nelle mie mani

 

La Minerva è il logo di VM-MAG  – qui il suo significato per questo blogzine -. Da qualche settimana a questa parte, ho ospitato alcune amiche che hanno condiviso con voi – e con me – i loro segreti per tornare in equilibrio districandosi tra mille impegni quotidiani.

Vi svelo la ragione per cui questa sorta di inchiesta informale è nata

Ho iniziato a vivere una sorta di seconda vita o vita parallela che mi vede dividermi con entusiastico e avventuroso piacere tra il Lago di Como e Firenze per un’avventura professionale stimolante e avvincente.

Boboli, Firenze

Il cambiamento l’ho percepito, all’inizio, soprattutto dal punto di vista fisico, perché ho ricominciato a “pendolare” con costanza dopo tanto tempo che non lo facevo più in giorni stabiliti della settimana. E così mi è venuto spontaneo condividere questa sensazione sulla mia pagina di Facebook, dove altre amiche mi hanno dato dei consigli e hanno iniziato a condividere i loro trucchi e segreti per reggere ore di viaggio e, successivamente, ad esempio, di lavoro.

E’ lì che ho pensato che questa potesse diventare una rubrica per VM-MAG perché ogni donna, anche se non viaggia tutte le settimane, ha spesso diversi ruoli da ricoprire e diciamolo: siamo sempre di corsa.

E allora dopo Giovanna Gregori, Camilla Filippi, Pia Bianchi, Filippa Lagerback, Benedetta Bevilacqua, Giulia Calefato, Alice Agnelli, Margherita Zanatta, Alessia Fattori Franchini 

questa settimana tocca a me raccontare quali sono i miei piccoli riti o trucchi per staccare la spina e ricaricarmi

 

Innanzitutto stacco la spina il sabato e la domenica: sembrerà strano, ma negli ultimi 8 anni, ho sempre tenuto acceso il pc per motivi di lavoro e anche se non ho lavorato l’intero week end, la testa la tenevo sempre sveglia e vigile, mentre invece, il cervello ha anche bisogno di ricaricarsi.

Preferisco, quindi, premere sul pedale dell’acceleratore durante la settimana e lavorare la sera, piuttosto che recuperare nel week end. Il fine settimana è sacro e dedito, oltre che alla famiglia con Zoe in testa, all’ozio, alle passeggiate, alla lettura – anche di aggiornamento professionale -, alle cene con famiglia e amici, alle dormite, alla piscina e ai roller che, da qualche tempo, dopo uno stop durato quasi 20 anni, ho rimesso ai piedi. Questo mi salva, già parzialmente, la settimana.

pattini, sport, roler, vm-mag

Ma i trucchi non sono solo da riservare all’isola felice del fine settimana. Se lavoro tanto tutti i giorni, dedico, comunque nel pomeriggio una 20ina di minuti alle camminate. In particolare, a Firenze, quando termino le lezioni al Polimoda, esco e vago per la città senza meta, lasciandomi ispirare e rilassare dalle bellezze da cui sono circondata per poi terminare la giornata con un buon bicchiere di vino o al Mercato di San Lorenzo oppure a cena con qualche amica fiorentina. In settimana, invece, quando sono sul Lago di Como, approfitto nel pomeriggio per andare a prendere Zoe a scuola e fare, anche in questo caso, qualche passo con la musica sparata nelle orecchie, in modo da staccare un po’ prima di rimettermi al lavoro fino all’ora di cena. Insomma, con l’età sono diventata più saggia e riesco a impiegare il tempo prezioso anche in piccole attività che mi ricarichino durante la giornata”

E voi, cosa fate per ricaricarvi?

(Viviana Musumeci)

Iscriviti alla newsletter per gli ultimi aggiornamenti