Culture Chanel: La donna che legge è una delle mostre più attese dagli amanti di Mademoiselle Coco e che è stata inaugurata [...]
DESTINATIONS / 0 Comments / 1164 View

Culture Chanel: La donna che legge a Venezia

Set 19 / 2016 6:00AM

Culture Chanel: La donna che legge è una delle mostre più attese dagli amanti di Mademoiselle Coco e che è stata inaugurata lo scorso sabato a Venezia alla Fondazione dei Musei Civici – Ca’ Pesaro–Galleria Internazionale d’Arte Moderna e che sarà visitabile fino al prossimo 8 gennaio.

Coco Chanel era indubbiamente una donna eclettica, piena di interessi, tra questi la letteratura a cui attingeva sia nella sua “biblioteca” attraverso una miriade di volumi preziosi, sia nella vita frequentando e amando scrittori e intellettuali. La donna che legge è il settimo episodio di CULTURE CHANEL, s’interessa a Gabrielle Chanel proprio da questa prospettiva. La letteratura non rappresentava semplicemente un passatempo, per la grande stlista, ma aveva una vera e propria influenza sulla sua vita e sul suo stile. Sono quattro le sequenze intorno alle quali si sviluppa il ritratto di Mademoiselle Coco: La vita che conduciamo, Le confidenze dell’invisibile, Thoughts that make you think e Gli aspetti del tempo. La mostra permette di scoprire circa 350 pezzi, capaci di restituirci il ritratto intimo di una creatrice – presentata attraverso le sue letture – che ha saputo fare della propria vita una leggenda.

Libri, numerose dediche, archivi, fotografie, quadri, disegni, oggetti d’arte provenienti dal suo appartamento, gioielli e profumi entrano in risonanza con un guardaroba di creazioni di moda, firmato da Karl Lagerfeld, che svelano, al pari di una biblioteca, il vocabolario estetico ideato da Gabrielle Chanel e costantemente arricchito nel tempo: dall’importanza del disegno, alla predilezione per il classicismo, dall’attrazione per il barocco, al suo amore per la Russia e gli ori di Venezia. La letteratura, dicevamo, era qualcosa in più di un semplice hobby: come dichiarò a Paul Morand:”I libri sono stati i miei migliori amici”.

Please follow and like us:
0

Iscriviti alla newsletter per gli ultimi aggiornamenti

Enjoy this blog? Please spread the word :)