Nadia Vincenzi è l’anima, appassionatissima di food, del ristorante stellato Da Nadia a Erbusco in provincia di [...]
KITCHEN LOVERS / 0 Comments / 1099 View

Nadia Vincenzi, passsione femminile per il food

Dic 14 / 2017 6:22AM

La chef, che ha visto confermare la stella Michelin, si racconta a VM-MAG

Nadia Vincenzi è l’anima, appassionatissima di food, del ristorante stellato Da Nadia a Erbusco in provincia di Brescia. La riminese di nascita, ma molisana di adozione, è appassionata di pesce e prodotti ittici fin da quando era bambina e si recava ad acquisare il pesce con la mamma, riconoscendo le caratteristiche di quelli migliori. Con una stella Michelin confermata di recente, Nadia racconta a VM-MAG la sua vita e le sue passioni

COME È NATO L’AMORE PER LA CUCINA?

E’ nato in Molise, dove ci siamo trasferiti con la famiglia quando avevo dieci anni.
I miei genitori hanno aperto il primo ristorante a Termoli, specializzato in cucina ittica dell’Adriatico.
Ho imparato fin da ragazzina a scegliere il miglior pesce pescato, ho osservato il lavoro ai fornelli, e la cucina è
presto diventata una vera passione.

QUALI SONO I PIATTI CHE PREFERISCE MANGIARE E QUALI CHE PREFERISCE CUCINARE?

Personalmente apprezzo i piatti a base di carne: uno dei piatti che preferisco mangiare è l’agnello.
Ovviamente amo cucinare il pesce: il mio cavallo di battaglia è la zuppa di pesce con crostacei e pesce di
scoglio, cucinata e servita nel tegame in terracotta molisana.
Al termine della zuppa, cucino dei tagliolini al grano arso nel sughetto della stessa: un’autentica prelibatezza.

AVETE AVUTO CONFERMATA LA STELLA MICHELIN DA POCO: COME SI CONQUISTA?

Personalmente posso dire di aver conquistato la stella Michelin con l’impegno e la passione che metto ogni giorno
nel mio bellissimo lavoro: sia nella scelta delle migliori materie prime che nella sperimentazione delle ricette.
Ho avuto l’onore di ricevere l’ambito riconoscimento dalla Guida Michelin per ben 2 volte:
la prima a Sarnico, sul lago d’Iseo, con il mio ristorante AL DESCO.
Successivamente a Castrezzato, DA NADIA
Da pochi mesi ci siamo trasferiti ad Erbusco, nel cuore della Franciacorta, e con immensa soddisfazione abbiamo
avuto la conferma della stella Michelin per il 2018.


.
NOI DONNE, SPESSO CRESCIAMO IN CUCINA, MA QUANDO DIVENTA UN LAVORO, QUANTO È
DIFFICILE PER UNA DONNA AFFERMARSI PROFESSIONALMENTE TRA I FUOCHI?

Professionalmente è difficile per una donna emergere in un settore così impegnativo: nell’alta ristorazione ci si
deve dedicare anima e corpo alla cucina, con passione ed ambizione.Io propongo una cucina semplice, tradizionale ma leggera, basata principalmente sulla qualità degli ingredienti.Protagonista il pesce, rigorosamente freschissimo pescato italiano, cucinato con olio extravergine di oliva.Durante i brevi periodi di chiusura del ristorante, mi dedico alla ricerca dei prodotti di eccellenza della nostra bella
Italia, per esempio il pomodoro Marinda a Pachino, la patata di Avezzano, i legumi di Capracotta, il tartufo molisano.
Insomma, è un lavoro impegnativo che svolgo con amore e dedizione, e sono ripagata con grande soddisfazione
dai risultati ottenuti. (Testo raccolto da Viviana Musumeci)

Iscriviti alla newsletter per gli ultimi aggiornamenti

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)