Il caso post elezioni francesi, primo turno, non è tanto che Marine Le Pen probabilmente sarà spazzata via al secondo turno [...]
/ 0 Comments / 1356 View

La vera House of Cards sarà all’Eliseo con Macron e la moglie – Brigitte Trogneux –

Apr 25 / 2017 10:37AM

Gli occhi del mondo puntati sulla papabile futura première dame di Francia e sulla sua età

macron, moglie,

Il caso post elezioni francesi, primo turno, non è tanto che Marine Le Pen probabilmente sarà spazzata via al secondo turno di elezioni da una coalizione che si unirà pur di non vederla tiranneggiare la Francia e l’Europa, quanto che ci sia un signore che porterà – forse- una first lady, pardon, una première dame – con qualche anno più di lui: ovviamente stiamo parlando di Emmanuele Macron e della moglie Brigitte Trogneux.

Su di loro si è detto tutto, si è costruito tutto, si è proiettato tutto il repertorio di moralismi possibili: lei lo ha sedotto quando aveva 15, lei ha lasciato la sua famiglia con 3 figli per lui, lei, lei, lei. Qualcuno ha fatto discretamente notare che la differenza di età tra i due è la stessa che separa Trump dalla moglie Melania. Su quest’ultima è stato detto molto – si sa, le donne sono streghe che attirano sempre ogni sorta di commenti -, ma perlomeno le sono state risparmiate frasi del tipo che potrebbe essere sua figlia, che lo ha sedotto portandolo via alla moglie, ecc, ecc. Comunque la verità è sempre la stessa: due pesi, due misure.

 La stessa cosa che fa un uomo, nell’anno domini 2017, non viene perdonata a una  donna.

Questione di proiezioni culturali. Del resto di complessi in psicanalisi se ne è parlato ampiamente: Edipo ed Elettra hanno mietuto e, continuano a mietere, anche in fase adulta, molte vittime. Detto questo, noi Emanuele e Brigitte Macron non li conosciamo, non fanno parte della nostra vita, non sappiamo cosa sia successo loro veramente perché vediamo una parte della storia – o storytelling – e il resto è solo proiezione popolare su un feuilleton che ha tutte le caratteristiche per diventare una fiction – ambizioni, del resto Macron è del Capricorno, quindi, insieme alla determinazione, non gli fa proprio difetto. Lui che vede lei come una consigliera, una musa, donna di eleganza e classe, che ci tiene alla sua immagine, allo sport, basta guardarle le gambe ultra atletiche; tosta ma discreta: non ricorda un po’ la versione francese di House of Cards? -.

E’ evidente che quando si sceglie un partner più anziano – che si sia uomini o donne -, prevalga la ricerca della sicurezza che si può cercare in una figura genitoriale – e forse, sì, questo dà fastidio a un genitore, poiché si mette in discussione nei riguardi di ciò che ha rappresentato per il proprio figlio -. In taluni casi il rapporto può essere malato, ma non automaticamente e non solo quando il divario è a favore dell’uomo più giovane. La verità è che anche da questo punto di vista prevale una visione maschilista e machista. Una donna deve aver bisogno di un uomo per realizzarsi, l’uomo si realizza da solo, quindi non può chiedere.

E se ha una donna a fianco che invece lo consiglia, lui, diventa agli occhi dei più, uno che ha problemi e che non ha carattere.

Nei rapporti, in generale, anche quando non esiste il divario, c’è un equilibrio fluido che fa sì che in alcuni momenti la donna abbia più bisogno di appoggio, ma è anche in grado di stare in piedi da sola, di realizzarsi, di trovarsi un ruolo nella società e fare scelte; come capita che anche un uomo abbia delle difficoltà o fragilità e necessiti di appoggio da parte della sua compagna. Equilibri che non si vedono ad occhio nudo ma che è facile proiettare sulle rughe di uno dei due partner, quando uno dei due è più vecchio.

Ma è cultura. E la cultura si porta avanti o si cambia. Sta a noi decidere. A me personalmente non fa specie vedere una donna che ha più anni di uomo – ho amiche che all’inizio delle loro storie con uomini più giovani di soli 5 anni si sentivano a disagio per paura delle “chiacchiere”-, ma indubbiamente i giudici più implacabili in questo sono spesso, proprio le donne.

Ecco, ragazze, cambiamola questa cultura. Facendo prevalere quella della realizzazione dei nostri sogni laddove le nostre strade le scegliamo noi e non le facciamo scegliere dagli altri. Il rischio è di vivere le vite altrui e non la nostra. (Viviana Musumeci)

Iscriviti alla newsletter per gli ultimi aggiornamenti

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)