Questo post potrebbe essere il titolo di un nuovo film di Lina Wertumuller, infatti si intitola: La non dieta dimagrante,  [...]
MAGAZINE / 0 Comments / 740 View

La non dieta dimagrante: come perdere peso in 5 mosse

Mar 05 / 2019 6:00AM

Dimagrire si può – e quando il peso è eccessivo, si deve -, ma non bisogna entrare in un circolo di consapevolezza

Questo post potrebbe essere il titolo di un nuovo film di Lina Wertumuller, infatti si intitola: La non dieta dimagrante,  ovvero come perdere peso in 5 mosse, senza passare per le mani di nutrizioniste improvvisate che si fanno pagare uno sproposito e rischiare la salute.

Ecco, su questo potete stare tranquille: questo post è autentico poiché vissuto sulla mia pelle e, del resto, sapete che è vero, perché quando fate una dieta dimagrante, magari copiata da un giornale, siete perfettamente consapevoli che state mentendo a voi stesse. Ormai lo sanno anche i muri: le DIETE DIMAGRANTI NON ESISTONO E SONO UN CONTROSENSO.  Questo non vuol dire che non si debba dimagrire, ma il problema che conosciamo davvero tutti è quello che riguarda la gestione della post dieta, perché in realtà, ancora oggi, nell’anno domini 2019, molte persone dimagriscono pensando di perdere peso, ma anche convincendosi del fatto che, se torneranno a mangiare come prima, non metteranno su più chili.

Che è, di per se, una sciocchezza immensa.

Se avevate dei chili di troppo e li avete persi è evidente che in qualche modo li avevate accumulati, e di solito, ciò non accade per caso, Sono proprio le vecchie abitudini  (non i cibi, quelli sono una conseguenza) che devono essere abolite. Perché poi, il peso forma, è davvero una questione di abitudini.

A parte qualche raro caso di metabolismo miracoloso, la maggior parte della gente, se ingurgita troppe calorie e lo fa regolarmente, ingrassa.

QUESTA E’ L’UNICA VERITA’: bisogna dimagrire per non ingrassare più.
Ecco come:
Innanzitutto ci sono dei cibi che fanno parte della nostra cultura, della nostra infanzia, perché in Italia, quando sei piccolo e accusi problemi, ti cacciano quasi sempre qualche cosa in bocca per rasserenarti. Da piccoli è il pane, poi è il “mangia a nonna”, mentre vi plana in bocca una forchetta che ha già infilzato 16 maccheroni al ragù in un colpo solo, poi è il coniglio di cioccolato per Pasqua, e in men che non si dica, quando da grandi volete consolarvi, vi tuffate subito nel (comfort)  junk food.
E allora vi racconto come una golosa, amante del cibo (che continua ad amarlo) come me è riuscita a perdere peso, senza andare dalla nutrizionista, in 3 mesi (circa 8 chili).

Ho elaborato dei trucchi, che condivido con voi:

Innanzitutto ho iniziato a praticare yoga, ovvero tutti i giorni mi sveglio mezz’ora prima (talvolta anche un’ora) e mi carico con una sessione di yoga alla mattina. Nel giro di poco tempo, il corpo si è allungato, armonizzato e tonificato (sono riuscita, persino, a imparare a fare la spaccata!!!), ma soprattutto mi sono calmata, sono più rilassata, domino le situazioni con calma e non avverto fame nervosa (la prima grande nemica del corpo).
Il secondo trucco, oltre a essere un ottimo modo per non mangiare troppo, è anche un modo sano di approcciare i pasti. Se prima iniziavo a mangiare, spiluccando pane dalla tavola, magari mentre stavo cucinando, oggi inizio i pasti con un piatto di verdura o cotta o cruda. SEMPRE. Questo aziona due meccanismi eccezionali: il primo è quello di non creare il picco glicemico, quando mangio carboidrati, per questa ragione se mangio una pizza non ho, subito dopo, la voglia di mangiare altri carboidrati; il secondo è quello che consente di sentirmi sazia, per questo mangio, di fatto meno (mangiare meno, aiuta nel dimagrire).
Terzo trucco: bevo molta acqua, soprattutto quando mangio verdure, Queste si gonfiano e percepisco un senso di sazietà. Per la stessa ragione, ho imparato a masticare molto lentamente e a ingoiare il cibo solo quando è sminuzzato. Questo è un’altro trucco importante, poiché se si mangia di fretta, si ingurgita anche aria nello stomaco, il cibo non viene sminuzzato e questo rallenta la digestione, la rende più difficile e il cervello non percepisce il senso di sazietà.
E poi ho scoperto un portento: o meglio, lo conoscevo, ma non lo avevo mai preso in considerazione come alleato del dimagrimento. Sto parlando del TE’ VERDE. E’ antiossidante (rallenta l’invecchiamento e questo, non solo ci rende felici perché vediamo meno rughe in viso, ma aiuta anche le cellule a rigenerarsi e questo fa solo bene); è antitumorale (non credo ci sia altro da aggiungere), velocizza il metabolismo ( si brucia di più), ma soprattutto è uno spaccafame naturale, e questo significa che tra un pasto e l’altro, se lo sorseggiate, non avvertirete il senso di fame (nemmeno quella nervosa).
Infine il pane. Lui è il grande nemico, ma questo non implica che non lo si debba mangiare. Io con i trucchi che ho elencato sopra, non sento più il bisogno di mangiare chili di pane: se prima, al termine della giornata, come minimo avrei ingoiato 4 panini, oggi, arrivo al massimo a uno: metà a pranzo e metà a cena, possibilmente integrale.
Se ce l’ho fatta io a perdere i chili, credetemi, potete farlo anche voi, ma soprattutto, seguendo queste abitudini, non li riprendete più. Del resto l’estate e la prova costume è a un tiro di schioppo ;). (Viviana Musumeci)

 

Please follow and like us:
0

Iscriviti alla newsletter per gli ultimi aggiornamenti

Enjoy this blog? Please spread the word :)