Una delle cose che non mi riesco a spiegare, ma per cui penso non sia necessario fare delle elucubrazioni speciali, è come [...]
MAGAZINE / 0 Comments / 526 View

Portopalo di Capopassero e le spiagge caraibiche

Set 20 / 2018 6:39AM

Il racconto delle vacanze in Sicilia e oltre

sedie a sdraio a righe bianche e blu

Una delle cose che non mi riesco a spiegare, ma per cui penso non sia necessario fare delle elucubrazioni speciali, è come sia possibile che il mare che bagna le spiagge di Portopalo di Capopassero, sia sempre caldo.

Immagino che sia semplicemente una questione di correnti mediterranee miti, ma ovunque voi decidiate di spiaggiarvi, che sia sull’Isola di Portopalo o la spiaggia di Carratois, l’acqua sarà sempre limpida e calda.

A parte qualche caso in Sardegna, non ricordo di aver mai nuotato, in Italia, in un mare così bello – con fondo sabbioso, intendo -.

Perché Portopalo?

Primo perché abbiamo dato uno strappo di circa 1500 chilometri – sulla carta il viaggio avrebbe dovuto risolversi in 15 ore di auto, ma le ore sono lievitate fino a 23 causa code ovunque – al nonno, ovvero a mio padre che ogni anno va in vacanza lì per pescare; secondo perché conosco bene la zona e il mare, per l’appunto, lì è proprio un’altra cosa, terzo perché da lì volevamo partire, poi, con il tour parziale della Sicilia.

Che cosa consiglio di fare, vedere o visitare, se andate a Portopalo?

Innanzitutto, vi consiglio di dormire in un b&b caratteristico e molto ospitale – per non parlare delle colazioni fantastiche a base di torte fresche, latte di mandorla, succhi e pane tostato con paté di pomodorini secchi fatto in casa – che si chiama L’artista di Portopalo e che, oltre a non essere caro, è in una zona silenziosa del paesino – il centro, in pieno agosto, è caotico e rumoroso -, con un giardinetto in cui è possibile rilassarsi nel tardo pomeriggio, quando si rientra dal mare.

Per quanto riguarda i pranzi, cancellateli: andate in spiaggia e armatevi di ombrellone e tende da mare perché è l’unico modo per scegliere sulle spiagge, dei posti tranquilli: a pranzo si mangiano arancini, supplì, frutta e schiacciate e frutta fresca.

A merenda, fate un salto a Pachino, perché è nella piazza principale, che potete gustare le migliori paste di mandorle, granite con la brioche e paste di ogni genere al pistacchio e al cioccolato (Caffé Ciclope: una garanzia).

A cena, il consiglio è di andare a Marzamemi: nella piazzetta storica del villaggio dei pescatori, potete accomodarvi sulle famose sedie azzurre e cenare a lume di candela, per poi perdervi nella movida serale, nei vicoletti, alla ricerca di Montalbano.

Per quanto riguarda la vita di mare, le mie due spiagge preferite rimangono quella dell’Isola di Portopalo, detta anche isola dei Conigli a cui si accede in barca – il servizio parte dalla spiaggia davanti alla piazza principale del paese -.

La seconda, invece, è quella già citata di Carratois, che è lunghissima e quindi non si corre mai il rischio di essere circondati da troppe persone perché ci si sparpaglia lungo tutta la sua lunghezza.

 

 

 

Please follow and like us:
0

Iscriviti alla newsletter per gli ultimi aggiornamenti

Enjoy this blog? Please spread the word :)