Lo Sheraton Lake Como Hotel, grazie alle prelibatezze preparate dallo chef Carlo Molon, continua a deliziare i palati degli [...]
/ 0 Comments / 1522 View

Sheraton Lake Como: l’happy hour dello chef Molon è il giovedì sera

Set 01 / 2016 6:00AM

Lo Sheraton Lake Como Hotel, grazie alle prelibatezze preparate dallo chef Carlo Molon, continua a deliziare i palati degli ospiti, anche il giovedì sera – per tutto settembre – per chi desidera trascorrere una serata in mezzo al verde, con buona musica e un happy hour divertente e rilassante. Un vero e proprio chilling prima di uscire da Como. Happy hour che inizia alle 19.30 a bordo piscina, che termina intorno alle 22 e che può continuare con una cena al ristorante grill Kincho che, quest’anno, ha rinnovato la propria formula, caratterizzandosi con una formula all-day dining con le creazioni dell’executive chef veneto che propone anche una gustosa selezione di hamburger serviti con il pane fatto in casa.  Il Kincho, ispirandosi al tipico grill sudamericano, si caratterizza per la grande griglia a vista, che presenta una selezione delle migliori carni italiane del Piemonte, dei pregiati tagli dalla praterie d’America, fino alla qualità assoluta dell’angus d’Irlanda. Oltre alla carne, il ristorante propone la vera pizza napoletana – lievitata per tre giorni – e cotta nel forno a legna, impastata con farine di grano italiano al 100%.

VM-MAG ha intervistato lo chef Molon:

Viviamo in un territorio che ha molto da offrire per la preparazione di piatti gustosi, sani e interessanti. Quali sono i suoi suggerimenti?

Nella mia cucina non manca mai il pesce di lago. E poi, per quanto riguarda gli affettati, punto su Marco d’Oggiono che è una sicurezza. Vini e bresaola della Valtellina, ma spazio anche in altre regioni perché offrono prodotti dell’eccellenza italiana, come ad esempio l’olio di Nocellara che è buonissimo e di cui mi son innamorato fin da subito.

Da dove nasce la sua passione per la cucina?

Da mio padre. Non era un cuoco. Lui entrava in cucina il sabato e la domenica, ma quando ciò accadeva, mia madre lo lasciava al comando ai fornelli. Vengo da una famiglia veneta dove la buona cucina è sempre stata apprezzata, come del resto l’amore per le materie prime del territorio. I miei nonni avevano dei campi. Rubavo le uova fresche alle galline di mia nonna e ho sempre mangiato di tutto: lumache, fiori di robinia, funghi.

Come si caratterizza il menù che offre agli ospiti dello Sheraton?

In realtà la stagionalità è un elemento caratterizzante. Amo la cucina italiana ma mi piace contaminarla. E poi attraverso i viaggi scopro nuove cucine, come quella indiana che ho avuto modo di praticare, anche di recente, per la preparazione di un matrimonio indiano molto sfarzoso. Una vera e propria sfida vinta, visto che gli stessi ospiti hanno apprezzato i piatti,

Qual è il suo piatto preferito da gustare?

I risotti sono la mia passione. Da sempre e ora li rendo ancora più buoni grazie al Carnaroli della Riserva San Massimo. (Viviana Musumeci)

Iscriviti alla newsletter per gli ultimi aggiornamenti

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)