Una delle caratteristiche di Rosy Cafaro, ideatrice del marchio comasco VENTISETTEBI, è quella di essere una donna [...]
/ 0 Comments / 1253 View

Sul Lago di Como Ventisettebi fa respirare aria di sartorialità con stile

Set 13 / 2016 6:00AM
ventisettebi

Una delle caratteristiche di Rosy Cafaro, ideatrice del marchio comasco VENTISETTEBI, è quella di essere una donna sofisticata, ma al contempo con i piedi ben radicati per terra. Una donna che agisce in prima persona e non lascia spazio alle deleghe.

Proprio per questo suo carattere, che non passa inosservato, il marchio che è la sua naturale estensione, è dotato di allure sartoriale, di attenzione ai dettagli e alla qualità dei tessuti e della manifattura, che è affidata interamente a laboratori italiani. La collezione Autunno-Inverno 2016/2017 di VENTISETTEBI Soft Couture è contradditoria e mai uguale a se stessa: elegante e accattivante, femminile e mascolina, classica e innovativa, un omaggio al valore del made in Italy perché è interamente realizzata da laboratori italiani in cui la costruzione dei capi, l’attenzione ai dettagli e la ricerca qualitativa dei tessuti sono protagoniste di uno stile intramontabile.

I capi di  VENTISETTEBI Soft Couture sono dei veri e propri passe-partout che si fondono in maniera unica con l’identità di chi li indossa. Dai capispalla alle gonne, dai pantaloni alle maglie, le proporzioni sono morbide e avvolgenti per esaltare la femminilità in un gioco di linee appena accennate. Le spalle sono arrotondate e nei capi più classici, come i trench e i peacoat, sono ben disegnate ma ampie. Il punto vita, nella definizione di abiti, cappe e alcuni soprabiti, è praticamente inesistente. Ma viene, invece, esaltato nelle gonne a tubino o svasate e nei pantaloni proposti rigorosamente a vita alta, per evidenziare e slanciare la figura. In questa stagione, la palette dei colori invernali più chic si comporrà di nero, bianco, sfumature di grigio, crema e verde militare.

ventisettebi-ai16-17-1

Iscriviti alla newsletter per gli ultimi aggiornamenti

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)